ART SHOT YOU DOWN



Una mitragliatrice come un oggetto comune, per denunciare la violenza di una guerra che ormai ci circonda quotidianamente. È One day, un’azione pubblica di Milica Tomic.

A machine gun as a common object, to denounce the violence of a war that now surround us. Is One Day, a public action of Milica Tomic.



Passeggia per le strade e, insieme alle buste della spesa e all’ombrello, l’artista tiene in mano anche un’arma, perfettamente visibile e inequivocabile. Nel suo cammino ripercorre i luoghi battuti dalla resistenza antifascista durante la Seconda Guerra Mondiale, mettendo in scena così un percorso tutto semantico, ricco di rimandi e significati profondi.
La performance è iniziata nel 2009 per le vie di Belgrado, è continuata a Copenaghen e infine quest’anno è giunta anche a Roma, in occasione della personale della Tomic alla galleria Z2O Sara Zanin. Per realizzare questa azione l’artista non ha richiesto alcuna autorizzazione e nei video e nelle fotografie che la testimoniano possiamo ricostruire le reazioni spontanee dei passanti, presi tra la paura e lo stupore.
Nell’era post 9/11, della fobia degli attacchi terroristici, l’artista non vuole creare scalpore, ma indurre ad una riflessione, chiedendosi: “chi è il terrorizzato e chi il terrorista?”.

She strolls the streets and, along with shopping bags and the umbrella, the artist holds a weapon, clearly visible and unambiguous. In its path retraces the places covered by the anti-fascist resistance during the Second World War by staging a semantic path, rich in references and deep meanings.
The performance began in 2009 through the streets of Belgrade, has continued in Copenhagen, and finally this year arrived in Rome on the occasion of the staff Tomic to the Z2O Sara Zanin gallery. To accomplish this action, the artist has not requested any authorization and in the videos and in the photographs that testify it, you can reconstruct the spontaneous reactions of passers-by, caught between fear and amazement.
In the post 9/11, in the era of the phobia of terrorist attacks, the artist does not want to create a stir, but lead to a reflection, wondering: "who is the terrified and who is the terrorist?".


Erich Fromm, analizzando le cause della guerra in Anatomia della distruttività umana (1973), scrisse: “La tesi secondo cui la guerra è provocata dall’aggressività umana non è soltanto non-realistica, è soprattutto dannosa. Distoglie l’attenzione dalle cause reali (...)”. Tali cause sono conflitti realistici fra gruppi e le guerre, fin dai tempi dei Babilonesi, sono sempre state pianificate, non per un’inclinazione dell’animo, ma per ottenere schiavi, materie prime, terre, mercati e altre ricchezze.
In una società dominata dal modello multinazionale, in cui il principale obiettivo è il profitto indiscriminato, la guerra diventa permanente e diffusa, seppur camuffata.

Erich Fromm, analyzing the causes of the war in Anatomy of Human Destructiveness (1973), wrote: "The argument that the war is caused by the human aggression is not only non-realistic, it is particularly harmful. It diverts attention from the real causes (...)". These cases are realistic conflicts and wars between groups, since the time of the Babylonians, were always planned, not by an inclination of the soul, but to obtain slaves, raw materials, land, markets and other riches.
In a society dominated by the multinational model, where the main goal is profit indiscriminate, the war becomes permanent and widespread, albeit in disguise.


Nel film documentario The Corporation, che analizza il potere delle multinazionali nell’economia mondiale, il comportamento delle corporations viene paragonato a quello dello psicopatico, fino ad assimilarli: caratteristica dello psicopatico è la mancanza di empatia, colmata dalla capacità di simulare le emozioni umane, e l’utilizzo di manipolazione, intimidazione e violenza al fine di controllare le altre persone e perseguire i propri interessi. Per provare la plausibilità di queste associazioni basti pensare alla pubblicità occulta e, se non ai suoi effetti, alle intenzioni che la animano.
Quando le lotte in Bolivia per il diritto all’acqua potabile (accessibile, a causa di una privatizzazione, dietro il pagamento di una tassa pari ad un quarto del proprio reddito) hanno causato numerosi feriti e un morto, si può ancora associare uno strumento antiquato come una mitragliatrice ad un pericolo per la sicurezza pubblica? Quando un’importante società informatica rifornisce il Terzo Reich di strumenti per ottimizzare le attività dei campi di concentramento, come si può individuare il “cattivo”? Quali attributi lo rendono riconoscibile? Per Milica Tomic la questione rimane irrisolta e complicata dall’insorgere di intolleranza, ipocrisia, conformismo e indifferenza.

In the documentary film The Corporation, which analyzes the power of multinational corporations in the world economy, the behavior of corporations is compared to that of the psychopath, until assimilate: the characteristic of the psychopath is the lack of empathy, filled by the ability to simulate human emotions, and the use of manipulation, intimidation and violence to control other people and pursue their own interests. To test the plausibility of these associations just think to subliminal advertising and, if not to its effects, to the intentions that motivate it.
When the struggles in Bolivia for the right to drinking water (accessible, due to privatization, upon payment of a fee equal to one quarter of the income) have caused numerous injuries and one death, one can still associate an instrument dated like a machine gun to a danger to public safety? When a leading information technology company supplying the Third Reich of tools to optimize the activities of the concentration camps, as you can find the "bad"? What attributes make it recognizable? For Milica Tomic the matter remains unresolved and complicated by the onset of intolerance, hypocrisy, conformity and indifference.

--
Milica Tomic | One day
a cura di Eugenio Viola
23/05/2012 – 28/07/2012
Z2O galleria | Sara Zanin
via della Vetrina 21, Roma


Milica Tomic | One day
curated by Eugenio Viola
May 23 – June 28, 2012
Z2O gallery | Sara Zanin
via della Vetrina 21, Roma

--
Milica Tomic, nata nel 1960 a Belgrado, dove vive e lavora.
La sua ricerca artistica è apertamente politica, volta da un lato a sottolineare l’importanza della memoria storica, dall’altro ad aprire una riflessione su temi che toccano l’attualità, dall’identità nazionale alla violenza e alla responsabilità civile, dal diritto all’autodeterminazione alla costruzione mediatica della realtà.
Ha partecipato a due edizioni della Biennale di venezia e ha presentato i suoi lavori in occasione di numerose mostre, alla Kunsthalle di Vienna, allo Stedelijk Museum di Amsterdam, al Brooklyn Museum of Art.

Milica Tomic, born in 1960 in Belgrade, where she lives and works.
Her research is overtly political, turned on the one hand to emphasize the importance of historical memory, on the other to open a debate on issues that touch on current events, from the national identity to the violence and the civil liability, the right to self-determination to the construction of media reality.
She participated in two editions of the Venice Biennale and has presented her work at numerous exhibitions at the Kunsthalle in Vienna, the Stedelijk Museum in Amsterdam, the Brooklyn Museum of Art.
Si è verificato un errore nel gadget
Related Posts with Thumbnails
 
INK è un blog nato per informare riguardo la sfera del design, della grafica e dei nuovi oggetti//usi//costumi di tendenza.
Oltre all'informazione vera e propria, INK vuole diventare una vetrina ed un aiuto concreto per tutti coloro che si vogliono esprimere e cercano uno spazio dove far vedere la loro creatività.
Cerchiamo di accontentare tutti, da stilisti, a designer, grafici, o semplicemente ideatori di nuovi oggetti da fashion victims.

Copyright © 2009 INK All rights reserved.
Converted To Blogger Template by Anshul Theme By- WooThemes